Anestesia Odontoiatrica ed Emergenze – TERZA EDIZIONE

98,00 83,30

Formato 18×25,5 di pagine XXIV-1144 con 821 illustrazioni a colori e in bianco e nero e 338 tabelle

Disponibile

Prefazione alla Terza Edizione
L’incertezza che investe il mondo odontoiatrico circa i metodi ed i criteri di applicazione della moderna scienza anestesiologica odontoiatrica troverà una imminente risoluzione dopo l’applicazione su scala europea del documento dell’Association for Dental Education in Europe (ADEE) approvato in Cardiff nel settembre 2004, “Profile and Competences for the European Dentist”, cui ebbe seguito un secondo documento, approvato in Atene nel 2005 “Curriculum structure and the European Credit Transfert System (ECTS) for the European Dental Schools”, ove si descrivono le modalità e le competenze per educare lo studente ed il laureato in odontoiatria e renderlo idoneo ad esercitare su tutto il territorio europeo la propria professione.
Dopo successive revisioni e consensi da parte di istituzioni scientifiche, università e società odontoiatriche europee, il “Profile for Dental Education in Europe” è stato definitivamente approvato nel mese di agosto del 2009 in Helsinky. In esso sono indicate non solamente le competenze dell’odontoiatra europeo, ma indica altresì i percorsi formativi che lo studente e il laureato in odontoiatria deve percorrere in concordanza anche con contenuti del documento “Bologna Declaration” del 19 giugno 1999 ove si ribadisce la necessità di una educazione nel secondo ciclo post-lauream che deve condurre ad un titolo di Master o di dottorato.
Incoraggiati dagli eventi, alcuni insegnanti della materia ed odontoiatri, consapevoli che lo studente di odontoiatria e protesi dentaria trarrà grandi vantaggi nell’esercizio della professione leggendo questo testo, riconoscendo l’esigenza di aggiornare il testo precedente a causa del rapido evolvere della scienza anestesiologica odontoiatrica e infine in ottemperanza con gli impegni che il Gruppo Editoriale Idelson-Gnocchi prese a suo tempo in occasione della pubblicazione della prima edizione, ovvero di facilitare le edizioni successive per salvaguardare la continuità dell’insegnamento della materia, hanno iniziato un percorso unitario nella consapevolezza di dare prosecuzione e continuità all’aggiornamento dell’anestesia odontoiatrica alla luce delle recenti innovazioni della materia medesima. Un impegno particolare è stato posto nel proporre e nel concretizzare la revisione di alcuni capitoli ad alcuni docenti della materia, anche da parte dei colleghi Enrico Facco e Gastone Zanette, ai quali spetta un doveroso riconoscimento e ringraziamento da parte del sottoscritto.
La terza edizione di questo testo viene pubblicata dunque in un periodo particolarmente privilegiato per l’insegnamento dell’Anestesiologia in odontoiatria, essendo stati oramai indicati i contenuti europei per l’Anestesiologia e per l’Emergenza in odontoiatria i quali troveranno nel testo una ampia trattazione che potrà essere punto di riferimento per gli stessi docenti del prossimo Corso di laurea Magistrale in Odontoiatria e Protesi Dentaria (Classe LM-46), articolato in sei anni di studio e di formazione professionale.
L’opera è stata suddivisa in due tomi ove nel primo tomo vengono trattati argomenti di Anestesiologia e nel secondo viene approfondito l’insegnamento dell’Emergenza e proposta la prevenzione ed il suo trattamento nel rispetto delle proposte ADEE e delle indicazioni di società ed organismi europei.
Fra gli argomenti di Anestesiologia trattati particolare rilevanza è stata posta alle problematiche della valutazione clinica, fisica e psicologica del paziente nella consapevolezza che il paziente odontoiatrico debba essere sottoposto ad indagini specifiche che frequentemente diversificano da quelle effettuate nei confronti del paziente medico-chirurgico. In particolare, risulta importante nel paziente odontoiatrico la valutazione dell’ansia e la corretta esecuzione delle tecniche di anestesia locoregionale allo scopo di eliminare totalmente il dolore perioperatorio.
A questo proposito, l’illustrazione delle tecniche di anestesia locoregionale è stata effettuata in modo assolutamente particolareggiato così da poter essere immediatamente eseguite, dopo attenta lettura, senza interposizione di persona.
A questo proposito mi permetto di ringraziare ancora una volta il prof. Maurizio Mazzuchin ed il pittore gemonese Luciano Beozio che hanno contribuito ad illustrare il testo con fotografie e disegni di assoluto valore iconografico.
L’emergenza medica odontoiatrica trattata in quest’opera non vuole esporre l’odontoiatra al rischio di dovergli imporre o riconoscere competenze che appartengono allo specialista medico-chirurgo. La materia è stata trattata allo scopo invece di indicare quali sono i limiti professionali cui il dentista deve rigorosamente attenersi per prevenire e trattare una emergenza medica nel proprio studio, senza attribuirgli quei compiti che devono essere sempre e necessariamente destinati allo specialista medico-chirurgo, in particolare quando il paziente abbia bisogno di un proseguimento delle cure. La trattazione dell’emergenza, così come è stata affrontata in questo testo, dovrà essere oggetto pertanto di una attenta valutazione da parte di qualsiasi istituzione o docente che volesse proporre corsi di formazione per odontoiatri sull’argomento. Non sono infatti proponibili all’odontoiatra procedure “eroiche” per prevenire, trattare e gestire una paziente che incorresse in una emergenza, ma l’applicazione di metodi codificati e concreti che nel testo vengono ampiamente discussi e proposti al dentista sulla base delle precise indicazioni fornite da associazioni e società odontoiatriche.
Infine, è auspicabile che il corpo docente di Anestesiologia nel Corso di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria delle diverse sedi universitarie italiane si assuma in parte l’onere e la responsabilità di curare l’aggiornamento dell’opera nelle successive edizioni consapevole che ai soli docenti della materia spetta il dovere di educare e di formare gli odontoiatri nello specifico ambito dell’Anestesiologia e dell’Emergenza in odontoiatria.
È doveroso riconoscere alla Casa Editrice Idselson-Gnocchi di Napoli la preveggenza nell’aver consentito la pubblicazione di tre edizioni successive di un’opera che, aderendo ai requisiti europei per la formazione dello studente in odontoiatria nel campo specifico dell’Anestesiologia e dell’Emergenza, è divenuta unica in Italia ed in Europa.
G. Manani
Padova, 2011


INDICE
Anestesia in odontoiatria
1. Storia dell’anestesiologia in odontoiatria in Europa ed in Italia.
2. I contenuti teorici e pratici dell’anestesiologia in odontoiatria.
3. L’anatomia in odontoiatria.
4. La valutazione clinica preoperatoria e la valutazione del rischio.
5. La somministrazione dei farmaci. Elementi di farmacocinetica e farmacodinamica.
6. Lo stress in odontoiatria.
7. Gli stadi dell’anestesia e le proprietà dei farmaci ansiolitici.
8. Le vie di somministrazione dei farmaci benzodiazepinici.
9. Le tecniche di cannulazione venosa.
10. L’ansia in odontoiatria.
11. L’identificazione del paziente ansioso.
12. I metodi per il controllo dell’ansia.
13. Il trattamento dell’ansia.
14. La sedazione inalatoria.
15. Le apparecchiature della sedazione inalatoria.
16. Ipnosi.
17. Il paziente pediatrico.
18. Il paziente geriatrico.
19. Il paziente disabile.
20. I disordini neuromuscolari.
21. Gli anestetici locali.
22. I vasocostrittori.
23. La tecnica della iniezione.
24. Gli strumenti dell’anestesia locoregionale.
25. Le anestesie non tronculari.
26. I blocchi della mandibola.
27. I blocchi del mascellare superiore.
28. Le anestesie non invasive o poco invasive.
29. Le complicanze locali da anestesia locoregionale.
30. Il monitoraggio in odontoiatria.
31. Il dolore in odontoiatria.
32. Il dolore acuto postoperatorio.
33. Il trattamento del dolore acuto.
34. L’anestesia elettrica in odontoiatria.
35. L’agopuntura in odontoiatria.
Emergenze mediche in odontoiatria
36. Introduzione.
37. Gli stati di incoscienza.
38. Gli stati di alterata coscienza.
39. Le alterazioni della funzione respiratoria.
40. Le convulsioni.
41. Le emergenze cardiocircolatorie.
42. I fenomeni avversi da farmaci.
43. Le ostruzioni delle vie respiratorie superiori.
44. Le emergenze mediche pediatriche.
45. I farmaci e gli strumenti nelle emergenze.
46. La resuscitazione cardiorespiratoria.
47. La sala di risveglio in odontoiatria.
48. Aspetti medico-legali dell’ansiolisi e dell’emergenza in odontoiatria.
Appendice
Strumenti dell’emergenza nell’ambulatorio odontoiatrico.
Indice analitico

Autori

Editore

Anno

Lingua


Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione https://farmacia-senzaricetta.it/ può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.