Ansia Stress e Scrittura

22,00 18,70

Formato 21×30 di pagine XXVI-184

mi_piace

 

Disponibile

Presentazione Con vero piacere l’Università “Pegaso” saluta la pubblicazione di questo importante volume, frutto di una approfondita ricerca pluriennale che hanno compiuto i due Autori, il prof. Gennaro Mazza e la dott.ssa Giovanna Cerotto Mazza con vero rigore scientifico e grande capacità professionale. L’argomento dei rapporti tra stress e scrittura, sull’influenza della condizione psicologica ed il segno grafico della stessa persona, credo sia davvero rilevante sia a livello di comprensione ed argomenta-zione di scienza, sia sul piano concreto della pratica forense. Di ciò è giustamente compiaciuto il nostro Ateneo che ha dato l’occasione agli Autori, suoi illustri docenti, di poter esprimere con pienezza il loro talento in un apporto di ricerca di forte rilievo, contribuendo con ciò stesso a realizzare la duplice missione dell’Università che alla didattica innovativa e tutta ancora da scoprire della telematica unisce l’impegno di ricerca anche su temi fino ad ora forse trascurati, ma sicuramente importanti non solo per l’individuo, ma per la stessa società.

Giovanni Di Giandomenico

Rettore Università Pegaso


La presente monografia illustra i primi risultati di un’attività di ricerca avviata dal 2013 in ambito universitario nei settori della psicologia e della grafologia con la partecipazione di un campione di quasi 850 persone, tutti volontari, in gran parte componenti di Motoclub. Tale ricerca è ancora in corso laddove i suoi Autori sono ben consci che a causa della natura dell’Uomo ogni risultato ottenuto non sarà mai quello ultimo e definitivo. Questa pubblicazione ha lo scopo di presentare alcuni dei primi risultati emersi dall’analisi dell’ansia e dello stress da un punto di vista prima psicologico e poi grafologico nel campione di persone esaminate. Nello specifico, per quanto concerne l’ambito psicologico, curato dalla dr.ssa Giovanna Cerotto Mazza che svolge i suoi studi presso la Seconda Università degli Studi di Napoli, in questa indagine si svolge una breve rassegna in merito alla spiegazione, alla sintomatologia ed all’eziologia dei disturbi d’ansia e dei disturbi da stress e vengono trattati brevemente i risultati di ricerche già preliminarmente effettuate ed inerenti i fattori che predispongono la persona a sviluppare un disturbo d’ansia e/o un disturbo da stress. Il tutto è stato esaminato prendendo spunto dalle ricerche messe in evidenza nel testo di Ronald J. Comer allo scopo di inquadrare i disturbi da un punto di vista innanzitutto clinico e, poi teorico, facendo pur sempre riferimento al manuale diagnostico DSM-IV-TR, al quale fa riferimento anche il sopracitato autore. Dall’inquadramento psicologico si passa, poi, a quello grafologico secondo gli insegnamenti di Girolamo Moretti, Nazareno Palaferri e dei Maestri che li hanno seguiti, per analizzare come e se i segni della psicopatologia si manifestano nell’ambito della scrittura. Il tutto è stato realizzato attraverso l’esame di molteplici testi, per quanto possibile identici nella determinazione del loro contenuto in ogni differente occasione di raccolta delle scritture, con un’attività iniziata da oltre due anni ed ancora in corso. Dall’analisi delle scritture di ciascun soggetto è stato possibile raggiungere una prima catalogazione di più categorie di appartenenza degli individui esaminati. Con tali modalità sono state individuate le scritture di: soggetti che non sono in grado di controllare ansia e stress; di soggetti che lasciano trapelare il proprio disagio nei caratteri grafici solo se sottoposti continuativamente a fattori stressanti; di soggetti che, sebbene sottoposti a intensi fattori di stress, sono capaci di autocontrollarsi tanto da non manifestare la propria ansia e il proprio stress nei caratteri grafici; ed infine, di soggetti che sono stati in grado di superare l’ansia e lo stress che li affliggeva, liberandosi da essi. La casistica, che si presenta varia e complessa, conferma lo stretto legame del settore tra il campo psicologico e quello grafologico.


Indice
Presentazione di Giovanni Di Giandomenico
Introduzione di Francesco Fimmanò – Ricerca scientifica universitaria in grafologia
Introduzione di Nicola Paparella – Sarà possibile una ontologia del segno grafico?
Introduzione di Marisa Aloia – Ansia, paura e stress: effetti sulla scrittura
Prefazione
Avvertenza
1. L’inquadramento psicologico: l’individuo affetto da disturbo
1.1 Premessa
1.2 I disturbi d’ansia
1.3 Il disturbo d’ansia generalizzato: eziologia
1.4 I disturbi da stress
1.5 I fattori che contribuiscono all’insorgere dei disturbi da stress
1.6 Il disturbo da stress fisico: disturbi psicofisiologici o psicosomatici
1.7 L’individuo e l’ambiente: un sistema di interazione estremamente complesso e variabile
Riferimenti bibliografici
2. I segni grafologici della patologia: ansia, paura e stress nella scrittura
2.1 Le categorie dei soggetti ed i caratteri grafici
2.2 Coloro che non sono in grado di controllare ansia e stress
2.3 Ansia e stress nell’impegno fisico e mentale: coloro che fanno emergere le proprie “difficoltà” nei caratteri grafici solo se sottoposti continuatamente per un certo periodo di tempo ad ansia e stress
2.4 L’autocontrollo dell’ansia e dello stress: persone che, sebbene mentalmente e fisicamente sottoposti ad elevatissimi fattori di ansia e stress sono capaci di esercitare un autocontrollo così forte da riuscire a non manifestare nei caratteri grafici la propria ansia ed il proprio stress
2.5 La capacità di superare l’ansia e lo stress mentale e fisico
2.6 La capacità di affrontare l’ansia e lo stress provocati da fattori esterni e variabili nel tempo
Le prime conclusioni della ricerca
Tavole sinottiche
Fonti e bibliografia essenziale

 NOTE BIOGRAFICHE DEGLI AUTORI

GIOVANNA CEROTTO MAZZA è laureata in Scienze e Tecniche Psicologiche presso la Seconda Università degli Studi di Napoli dal 2013 e sta completando il secondo anno del corso di Laurea Magistrale in Psicologia Applicata ai Contesti Istituzionali presso il Dipartimento di Psicologia della Seconda Università degli Studi di Napoli. L’Autrice ha scelto di approfondire lo studio nel settore della psicologia giuridica e investigativa focalizzandosi nello specifico sulle vittime di reato.

GENNARO MAZZA avvocato, magistrato onorario, dal 1979 svolge l’attività di Grafologo Giudiziario Esperto in analisi e comparazione di scritture. Di seguito ha conseguito la Laurea in Giurisprudenza e, successivamente il Diploma di Specializzazione triennale in Diritto Amministrativo e Scienza dell’Amministrazione, il Diploma di Specializzazione triennale in Diritto Civile ed il Diploma di Specializzazione triennale in Diritto Commerciale presso la Facoltà di Giurisprudenza della Università degli Studi “Federico II” di Napoli. Titolare di vari Diplomi di Specializzazione nel settore della Perizia Grafica e della Grafologia Giudiziaria e Criminalistica rilasciati in Italia ed all’Estero, ha conseguito, con il massimo dei voti, la laurea in Tecniche Grafologiche presso la Università degli Studi “Carlo Bo” di Urbino. Relatore in numerosi convegni nazionali ed internazionali, dal 1997 è Presidente Nazionale dell’Associazione Grafologi Giudiziari (A.GRA.GI.), e dal 2002 è Segretario Nazionale della Federazione delle Associazioni dei Grafologi Giudiziari (FEDERGRAF). Abilitato all’insegnamento di materie giuridiche ed economiche, già indicato come Docente di Legislazione Peritale del Master di II livello in Scienze Criminologico Forensi organizzato dallo Osservatorio dei Comportamenti e della Devianza della Cattedra di Psicopatologia Forense del Dipartimento di Neurologia e Psichiatria della Facoltà di Medicina dell’Università “La Sapienza” di Roma, è Docente di Tecnica e Legislazione Peritale presso la Scuola di Grafologia “Nazareno Palaferri” di San Marino, nonché Responsabile del Polo di Grafologia dell’Università Telematica PEGASO, dove insegna Grafologia Criminalistica e Peritale, e Storia della Grafologia Criminalistica presso le Facoltà di Giurisprudenza e Scienza della Formazione, nonché Computer Forensics nel Corso di Alta Formazione in Grafologia Criminalistica della detta Università.

Autori

Editore

Anno

Lingua


Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione https://farmacia-senzaricetta.it/ può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.