Confesso che ho curato.

12,00 11,40

Collana di Medicina Narrativa a cura di Luciano Vettore e Maria Stella Padula
Formato 14×24 di pagine 104

Disponibile

ISBN: 9788886980616 Categoria: Tag:

Narrazioni di esperienze emozionanti riservate a chi cura in ospedale. Ospedale: luogo ipertecnologicizzato per una medicina veloce che apparentemente non sembra lasciare spazio alle emozioni ed alle relazioni con chi soffre.
Emozioni e relazioni che invece sorgono spontanee strettamente legate al luogo “ospedale” – e che non possono appartenere ad altri luoghi – e che emergono nelle maniere più impensate in modo da lasciare un ricordo ed un insegnamento, spesso indelebili, in chi cura e in chi è curato.
Per questo l’ospedale diventa un luogo privilegiato per esperienze privilegiate. L’immagine della copertina si intitola “l’ascolto”.
Vi figurano il medico e la sua malata che ricalcano entrambi il medesimo gesto simpatetico del braccio. Nella stretta vicinanza tra le persone che non si avvale di nessun intermediario strumentale, il dipinto è anch’esso una narrazione medica che vuole significare il doppio ascolto del medico, quello scientifico che è auscultazione del soma malato e quello ermeneutico che è ascolto della storia di vita della persona.

Questo secondo libro della collana raccoglie le narrazioni di esperienze emozionanti riservate a chi cura in ospedale, come l’Autore.

Qui, chi legge, inizia un “viaggio” immaginario con l’Autore, e scopre nello spazio-tempo ristretto dell’ospedale un’altra cosa: nelle buone pratiche di cura tra persone fino a poco prima estranee tra di loro, è possibile la circolarità della cura in cui curanti e curati sono tutti attori di reciproche attenzioni. È questa la testimonianza che queste narrazioni vogliono lasciare ai giovani colleghi impegnati nel faticoso affascinante apprendimento dell’arte della medicina. Insegnamento testimoniato silenziosamente da chi lo avvia nelle corsie dell’ospedale e da chi lo persegue poi nell’ambulatorio del medico di famiglia (sì, è proprio questo il nome che si meglio si adatta al medico della persona) e nelle case.

Autore/i

Editore

Anno

Lingua


Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione https://farmacia-senzaricetta.it/ può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.