Ecografia della Spalla

20,00

Formato 18×25,5 di pagine X-92 con 152 figure – Cartonato

 

Disponibile

E’ un libro tecnico, che si legge d’un fiato quasi un racconto. Parole semplici, concetti chiari, spiegazioni concise ma esaurienti, completate dalle didascalie delle immagini. E’ un testo che non è e non vuole essere un trattato ma un libro su cui trovare tutte le cose importanti da sapere sulla ecografia della spalla. Un utile compagno quotidiano che ci ricorda concetti anotomo-funzionali che spesso ci sfuggono dalla memoria. I rapidi e precisi richiami anatomo-patologici ed eziopatogenetici ci aiutano senza perdita di tempo a comprendere il significato della patologia in esame portandoci alla sintesi di un referto che esprima la comprensione completa di un fenomeno doloroso o funzionale. Non è pertanto un testo da libreria per consulti su rarità, ma un testo da scaffale da lavoro per rapide occhiate che di risolvono i dubbi quotidiani. Il libro non è per principianti dell’ecografia, ma per chi “maneggia” con disinvoltura e sicurezza una sonda ecografica, conoscendo bene il modo di ottenere una buona immagine ecografica, gli artefatti e le loro insidie particolarmente presenti in un distretto come la spalla in cui non è praticamente mai possibile trovarsi nella condizione ottimale per ottenere una immagine facile: convessità marcate delle superfici da esaminare, strutture tendinee multiple a decorso tortuoso o complesso, margini ossei ricurvi, solchi, ponti ossei nemici dell’ecografia. I richiami anatomici del primo capitolo vogliono essere solo richiami per chi già conosce bene l’anatomia della spalla, ma sono sufficienti a ricordarci quanto ci potrebbe sfuggire dalla memoria e così pure i richiami funzionali. Non vengono trattate e descritte le varie sezioni o scansioni ecografiche. La moderna ecografia dinamica non deve essere imbrigliata in scansioni o proiezioni statiche: la sonda ecografica cerca e segue le strutture anatomiche in esame, là dove sono e come si muovono ed articolano fra loro. Certo è prima indispensabile conoscerle. Ma l’autore, bonariamente e senza invadenza, spesso ci offre lo spunto o il richiamo per le scansioni più importanti associando la fotografia della posizione della sonda sul paziente alle immagini ecografiche. Chiara la classificazione delle rotture della cuffia dei rotatori e quasi intrigante l’eziopatogenesi dei conflitti con belle immagini, ottimi esempi di come si devono documentare le lesioni. Bene spiegate le borsiti, le lussazioni del capo lungo del bicipite ed il coinvolgimento della articolazione acromio-claveare. Miscellanea finale su argomenti come la instabilità di spalla, epifenomeno di alterazioni spontanee o acquisite di strutture diverse che portano ad una unica problematica clinica complessa. Giuseppe Balconi


INDICE
1. Anatomia
2. Lesioni della cuffia dei rotatori
3. Sindromi da conflitto
4. Patologia della borsa sottoacromiale
5. Patologia del tendine del capo lungo del bicipite
6. Patologia dell’articolazione acromio- claveare
7. Miscellanea
Indice analitico

Autori

Editore

Anno

Lingua


Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione https://farmacia-senzaricetta.it/ può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.