Edilizia, Condoni e Modelli Informatici

29,00 24,65

Formato 15×21 di pagine XXII-230 – Testo aggiornato con il Decreto Legge 70 del 13.05.2011

 

Disponibile

ISBN: 9788879475389 Categoria: Tag:

Note sull’Autore:
RAFFAELLA VENIERO, avvocato amministrativista: nell’ambito della sua attività professionale ha dedicato molto tempo all’individuazione di procedure semplificate per la P.A., collaborando alla trasposizione di idee giuridiche in procedimenti anche informatici. Esperta in materia di edilizia e condono, nonché di procedimento amministrativo e semplificazione, è docente di Diritto Amministrativo alla Scuola per le Professioni Legali e al Master in Diritto Amministrativo dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa.


IV di Copertina
Il volume, partendo dall’analisi delle disposizioni in materia di condono edilizio e della giurisprudenza, ripercorre la normativa degli ultimi anni: edilizia libera, d.i.a., s.c.i.a., autorizzazione paesaggistica semplificata, regolarizzazione catastale, piano casa (della Regione Campania). Il testo suggerisce la definizione di modalità istruttorie semplificate ed informatizzate “aperte” anche per la gestione delle pratiche edilizie, modalità volte alla conclusione dei procedimenti in tempi ragionevoli ed in una logica sostanziale di sportello unico dell’edilizia. Riporta modelli teorici e pratici di semplificazione, specificamente riferiti anche al condono edilizio ed alle autorizzazioni paesaggistiche..


PRESENTAZIONE DI GIUSEPPE ABBAMONTE
Il governo del territorio si va complicando perché le esigenze crescono e non altrettanto le aree disponibili. Per di più, il pluralismo istituzionale rende difficile l’elaborazione di adeguati indirizzi che consentano una gestione coordinata delle risorse disponibili, a cominciare dalle stesse possibilità di insediamento. Le pagine che seguono utilizzano una esperienza che non è direttamente di gestione, ma è stata acquisita sul piano dei rimedi perché l’autrice ha operato per alcuni anni nell’amministrazione delle richieste di condono che, dopo 26 anni dalla legge 47 del 1985, giacciono ancora a decine di migliaia in attesa di risposta. Osservazione perciò della patologia della normativa edilizia che ha prodotto più abusivismo che attività pianificata, tanto che nonostante il viso delle armi di politici e giudici, si continua a far ricorso a norme di emergenza non di rado oscure nelle forme e nei fini, e lo stato di pendenza permane e, non di rado, peggiora, quando non affrontato ad opera di qualche funzionario di buona volontà. Cosa fare allora? Questo volume, tendendo alla semplificazione delle procedure, costruisce modelli informatici, calibrati sull’esperienza del condono, che dà luogo, sostanzialmente, al problema preliminare ad ogni attività edilizia, che è quello della relativa autorizzazione, chiamata in mille modi e posta in essere attraverso varie procedure. Ma alla base vi è l’esigenza di un previo accertamento su quanto si vuole realizzare e sulla relativa conformità alla pianificazione territoriale (art. 869 cod. civ.) o alle norme speciali che, di fronte alle grandi dimensioni assunte dal fatto compiuto, hanno consentito e variamente condizionato deroghe e conseguenti sanatorie. E che le cose stiano in questo modo si coglie da varie indicazioni come ad esempio dalla presa di posizione di qualche tempo fa dall’Avvocatura dello Stato e della giurisprudenza che hanno risolto la questione della limitazione del diritto dei terzi incisi dalla concessione del condono, ricordando che quest’ultima è una autorizzazione e, quindi, va intesa nel senso della salvezza dei diritti dei terzi. In tal senso, seppure in termini generali si era espresso Feliciano Benvenuti, richiamando la natura autorizzatorio della “concessione edilizia” ora riconfigurata sul modello francese come permesso di costruire e, quindi, sostanzialmente riconoscendosi la natura di autorizzazione che, come il permesso, rimuove soltanto un limite all’azione di chi è legittimato all’uso del territorio dalle norme codicistiche sulla disponibilità dell’area sia per l’appartenenza che per la pianificazione (art. 869 cod. civ.). Ma allora, se si tratta di controllare quanto si intende realizzare o sanare il realizzato, la competenza del soggetto pubblico e la procedimentalizzazione della relativa funzione, sia in sede di autorizzazione a costruire che ad ottenere la sanatoria, devono essere organizzate e procedimentalizzate nel senso del buon andamento e l’ausilio informatico è lo strumento cui ci si va abituando e che, tanto più si dimostra opportuno, quanto più cresce il numero degli affari da gestire, per la possibilità di speditezza offerte dalle tecniche informatiche, anche comparando agevolmente quanto si è già fatto a quanto si sta per fare, nonché di mantenere continui contatti tra chi chiede e chi provvede, opportunamente conformati e documentati, a garanzia di eguaglianza ed efficienza nella linea segnata dall’art. 97 Cost. Pericolo di sclerosi della funzione pubblica? Non direi perché la norma fondamentale rimane la pianificazione e la sanatoria è collegata al divenire della legislazione. Non soltanto ma le modularità di azione consentite dall’informatica consentono sostanzialmente di richiamare una particolare categoria di atti che Orsoni in tempi lontani aveva indicato come atto aperto. Ovviamente cambiando quello che deve cambiarsi, avendo riguardo alle possibilità dell’informatica. È vero che l’avvio ed anche l’applicazione dei modelli informatici all’attività urbanistica spetterà agli operatori delle imprese che assumeranno le iniziative per nuove attività o sanatorie, nonché ai funzionari dei competenti uffici: e qui vanno segnalati i richiami che si leggono nel volume al principio della leale collaborazione perché la informatizzazione è un “work in progress” che non finisce mai, trattandosi di tecniche in continua evoluzione che consentono di conoscere e conoscersi, in funzione di un migliore, comune assetto, forse idoneo a convincere nel futuro della complementarietà tra pubblico e privato, anche quando non si è riusciti a comporli opportunamente nella pianificazione, purché si intendano in buona fede le evidenze che possono derivare dai fatti che l’informatica aiuta ad osservare e comprendere. In questo senso interessa la categoria dell’atto aperto, nel senso che tutto può essere via via completato. Fiducia nei modelli allora? Si ma come aiuto via via da migliorare mettendo a frutto le esperienze via via acquisite ed approfondendone fin dove possibile i significati. Buon lavoro, dunque, con l’aiuto che il volume potrà offrire.


INDICE

CAPITOLO I – I condoni edilizi (Leggi 28 febbraio 1985, n. 47, 23 dicembre 1994, n. 724 e 24 novembre 2003, n. 326) ed il condono paesaggistico (Legge 15 dicembre 2004, n. 308)
CAPITOLO II – I tentativi di correttivo e/o integrazione del terzo condono (legge 326/2003) avanzati nel corso dell’anno 2010; la regolarizzazione catastale
CAPITOLO III – Disciplina degli interventi edilizi e dei relativi titoli abilitativi alla luce delle recenti modifiche normative intervenute nel corso dell’anno 2010
CAPITOLO IV – Il “Piano casa”
CAPITOLO V – Modelli operativi
APPENDICE
IL DECRETO-LEGGE 13 MAGGIO 2011 N. 70 “SEMESTRE EUROPEOPRIME DISPOSIZIONI URGENTI PER L’ECONOMIA”, IN G.U. 110 DEL 13 MAGGIO 2011: ART. 5, “COSTRUZIONI PRIVATE”
Indice analitico
Indice delle leggi
Bibliografia
Autori

Editore

Anno

Lingua


Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione https://farmacia-senzaricetta.it/ può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.