Gestione delle pazienti con pap test anormale

40,00 34,00

Formato 21×29,7 di pagine 350 con numerose illustrazioni

Disponibile

Gestione delle pazienti con pap test anormaleOncogenesi, storia naturale e strategie per il controllo della neoplasia cervicale


1. LA CERVICE NORMALE
1.1 Anatomia Macroscopica
1.2 Gli Epiteli Cervicali e la Loro Dinamica
2. STRATEGIE GLOBALI PER IL CONTROLLO DELLA NEOPLASIA CERVICALE:DIAGNOSI DEI PRECURSORI E DEGLI STADI PRECOCI
2.1 Introduzione
2.2 Fattori di rischio
2.3 I precursori del cancro invasivo
2.4 HPV e carcinogenesi cervicale
2.5 Controllo della mortalità mediante interventi clinici
2.6 La prevenzione del carcinoma cervicale mediante lo screening di popolazione
2.7 Le misure di supporto al Pap test possono migliorare lo screening?
2.8 La vaccinazione contro HPV nella prevenzione del cervivo-carcinoma
2.9 Triage dei Pap test “Borderline” mediante l’impiego di tests intermedi fra citologia e colposcopia
3. EPIDEMIOLOGIA DEL FOLLOW-UPNELLO SCREENING CERVICALE
3.1 Introduzione
3.2 Ruolo del follow-up nello screening cervicale
3.3 Frequenza delle pazienti perse al follow-up
3.4 Rischio di progressione a cancro per le pazienti perse al follow-up
3.5 Fattori che influenzano l’adesione al follow-up
3.6 Strategie ambulatoriali a sostegno del follow-up
3.7 Strategie di sistema a sostegno del follow-up
3.8 Un problema rimosso
4. IL PAP TEST: TECNICA E LETTURA
4.1 Introduzione
4.2 Applicazioni del Pap test
4.3 Limiti del Pap test
4.4 Pap test convenzionale
4.5 Citologia cervicovaginale a strato sottile
4.6 Lettura del Pap test
4.7 Il controllo di qualità del Pap test
4.8 L’approccio diagnostico alla patologia cervicovaginale:necessità di una visione interdisciplinare e di un linguaggio comune
4.9 Il futuro del Pap test
5. NUOVE TECNICHE DIAGNOSTICHE IN PATOLOGIA CERVICOVAGINALE
5.1 Introduzione
5.2 Tests ancillari applicabili alla patologia cervicovaginale
6. IL SISTEMA BETHESDA :ESEMPIO DI COLLABORAZIONE FRA PATOLOGO E CLINICO
6.1 Introduzione
6.2 Cenni storici sulle lesioni precancerose della cervice uterina
6.3 La classificazione Bethesda (TBS)
6.4 Referto cito-istologico: strumento della comunicazione fra patologo e clinico
6.5 Il Sistema Bethesda: valutazione di adeguatezza e categorie diagnostiche
7. DINAMICA DEGLI EPITELI CERVICALI
7.1 Introduzione
7.2 Ectopia ghiandolare ed Ectropion
7.3 La Giunzione Squamo-Colonnare
7.4 Dall’Ectopia all’Area di Trasformazione: la Metaplasia Squamosa
7.5 L’Area di Trasformazione
7.6 Rapporto anatomico degli epiteli nell’Area di Trasformazione:l’ultima ghiandola e la dislocazione della Giunzione Squamo-Colonnare
7.7 Le quattro variabili epiteliali
7.8 Aspetti colposcopici della Metaplasia
8. LE LESIONI SQUAMOSE PREINVASIVE:I PRECURSORI DEL CARCI NOMA CERVICALE
8.1 I precursori del cancro cervicale
8.2 Definizione e classificazione dei precursori del carcinoma invasivo
8.3 Prevalenza, incidenza e prevenzione dei precursori del carcinoma invasivo
8.4 Problematiche e controversie riguardanti gli studi prospettici di follow-up
8.5 Evoluzione dei precursori del cervico-carcinoma
8.6 Progressione della displasia severa e del Carcinoma in situ: criticità e controversie
8.7 Regressione e persistenza delle lesioni intraepiteliali
8.8 Distribuzione per età delle displasie e del carcinoma
8.9 Possibili varianti al modello evolutivo dei precursori: i “cancri intervallo” ed i carcinomi “tardivi”
8.10 Ruolo del papillomavirus (HPV) nella evoluzione dei precursori del carcinoma cervicale
9. DIAGNOSI VIROLOGICA DI INFEZIONE DA PAPILLOMAVIRUS UMANI
9.1 Introduzione
9.2 Metodi indiretti di diagnosi di infezione da HPV
9.3 Diagnosi virologica di infezione da HPV
9.4 Prestazioni e riproducibilità dei metodi molecolari impiegati in diagnostica
9.5 Metodi per la determinazione della carica virale
9.6 Metodi per la valutazione dell’integrazione viral
9.7 Tecnologie emergenti
9.8 Utilità clinica dei metodi molecolari
9.9 Diagnosi sierologica di infezione da HPV
10.PAPILLOMAVIRUS UMANO: UN VIRUS NELLA GENESI DELLE LESIONIDISPLASTICHE E NEOPLASTICHE DEGLI EPITELI SQUAMOSI
10.1 Introduzione
10.2 Cenni di virologia del Papillomavirus (HPV)
10.3 Cenni epidemiologici
10.4 Patogenesi
10.5 Utilità clinica dei test molecolari per HPVConclusioni
11.PATOGENESI DEI PRECURSORI DEL CARCINOMA CERVICALE
11.1 Introduzione
11.2 Carcinogenesi: modello multifasico
11.3 Monoclonalità e plurifocalità delle lesioni cervicali
11.4 L’Area di Trasformazione sede dei processi oncogenetici cervicali
11.5 Storia naturale dell’infezione da HPV
11.6 Ciclo di replicazione virale
11.7 HPV ed oncogenesi cervicale
11.8 Il Ciclo Cellulare
11.9 Patogenesi delle lesioni cervicali: interazione fra proteine virali ed oncosoppressorinel carcinoma della cervice
11.10 Sistema immunitario ed insorgenza delle lesioni cervicali: possibile ruolo dei vaccininella prevenzione del cervico carcinoma
12. TOPOGRAFIA E GRADING DELLE LESIONI INTRAEPITELIALI CERVICALI
12.1 Introduzione
12.2 Topografia delle lesioni intraepiteliali
12.3 Grading dell’epitelio atipico

Autore/i

Editore

Anno

Lingua


Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione https://farmacia-senzaricetta.it/ può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.