La guida dell’autovettura dopo cerebrolesione

13,00 12,35

Formato 17×24 di 266 pagine con 69 Illustrazioni e 81 Tabelle

Disponibile

Affronta in maniera dettagliata e scientifica il tema, assai complesso e di rilevante attualità, della ripresa della guida di un automezzo da parte di persone che hanno subito un pregresso stato di coma conseguente a trauma cranico.


Descrizione:
Questo lavoro, che si avvale della collaborazione di numerosi esperti che operano nell’ambito delle istituzioni preposte alla definizione di questo problema (Istituto Superiore di Sanità, Ministero dei Trasporti), e soprattutto nel campo della riabilitazione delle gravi cerebrolesioni, affronta in maniera dettagliata e scientifica il tema, assai complesso e di rilevante attualità, della ripresa della guida di un automezzo da parte di persone che hanno subito un pregresso stato di coma conseguente a trauma cranico. I capitoli del libro affrontano numerosi temi correlati a questo problema: quali sono e come si valutano le disabilità residue (motorie, cognitive, uditive, visive) che dopo cerebrolesione possono condizionare la ripresa della guida, quali sono le modalità riabilitative attraverso le quali si possono, laddove possibile, superare; come valutare, con strumenti il più possibile oggettivi, se le persone con esiti cerebrolesivi possano o meno ritornare a guidare; come le commissioni ministeriali effettuano i giudizi di idoneità alla guida per soggetti con disabilità neurologica; quali sono le possibilità e i limiti che devono essere considerati prima di consentire la ripresa della guida perché questa possa svolgersi in sicurezza e, infine, il parere dei famigliari – che conoscono in modo profondo la capacità residue ed il comportamento delle persone cerebrolese con cui quotidianamente convivono – sulla opportunità o meno di consentire loro la ripresa della guida.
Questo volume, che è in assoluto il primo che affronta in maniera vasta e articolata questo tema di rilevante impatto sociale, si propone giustamente come strumento di lavoro per le istituzioni, gli psicologi, i neuropsicologi, i riabilitatori, i medici legali, le autoscuole e le assicurazioni.


INDICE

PRIMA PARTE: LA LEGISLAZIONE E LE MODALITÀ
1. La guida dei veicoli con patente speciale
2. Guida corretta per la sicurezza
3. La Mobilità in Italia delle persone con disabilità e delle persone tutte: regole ed opportunità

SECONDA PARTE: LA VALUTAZIONE
4. La psicologia del traffico e della sicurezza viaria
5. Inquadramento dei disturbi cognitivo comportamentali che condizionano la ripresa della guida dopo cerebrolesione
6. Strumenti per la valutazione clinica delle capacità di guida in soggetti con cerebrolesione
7. Inquadramento dei disturbi somatici che condizionano la ripresa della guida dopo cerebrolesione
8. Inquadramento dei disturbi del sistema visivo che condizionano la ripresa della guida dopo cerebrolesione
9. Inquadramento dei disturbi del sistema uditivo che condizionano la ripresa della guida dopo cerebrolesione

TERZA PARTE: LA RIABILITAZIONE
10. La riabilitazione cognitivo-comportamentale finalizzata alla ripresa della guida
11. Riabilitazione neuromotoria finalizzata alla ripresa della guida

QUARTA PARTE: LA RICERCA
12. Il ritorno alla guida del soggetto post-comatoso: protocollo diagnostico per la valutazione del rischio di incidente stradale
13. Fattori predittivi del rischio nel ritorno alla guida dopo trauma cranio-encefalico
14. Traffic Psychology Test Battery: dati normativi per la popolazione italiana
15. Traffic Psychology Test Battery: prestazioni nei soggetti cerebrolesi

QUINTA PARTE: I PUNTI DI VISTA
16. Tornare a guidare dopo un trauma cranico: il punto di vista delle famiglie
17. Tornare a guidare dopo un trauma cranico: il punto di vista delle associazioni disabili

Autore/i

Editore

Anno

Lingua


Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione https://farmacia-senzaricetta.it/ può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.