La mediazione tra medico e paziente

16,00 13,50

Formato 14,5×21 di pagine 334

Disponibile

Un intervento imparziale sul fenomeno crescente del contenzioso per responsabilità professionale medica


Descrizione:
La conflittualità tra cittadini e operatori sanitari è un fenomeno dilagante con implicazioni preoccupanti, sia per i costi economici ed umani, sia per il rischio che i rapporti fra professionisti della salute e pazienti, che dovrebbero essere costruiti sulla fiducia, finiscano con l’essere permeati da reciproca diffidenza. È, quindi, un problema che interessa tutti: cittadini-pazienti e cittadini-operatori ed è un fenomeno che non può essere più affrontato soltanto con rimedi di natura tecnico-operativa, né con risposte esclusivamente economiche e/o giudiziarie: infatti, i protagonisti di tali vicende sono persone e spesso i contrasti prescindono dal verificarsi di un vero evento avverso, ascrivibile o meno ad errore professionale, ricollegandosi soprattutto a risvolti di natura relazionale. Il testo propone, dunque, una possibilità di prevenzione e gestione di tali situazioni conflittuali: l’approccio di mediazione prospettato non è una proposta teorica, ma la descrizione di iniziative e progetti di natura molto concreta, che negli ultimi anni hanno coinvolto un numero considerevole di persone. É quindi anche la narrazione di alcune esperienze umane di particole spessore. Naturalmente, in una prospettiva di mediazione, operatore sanitario e cittadino-utente sono entrambi vittime del conflitto che li coinvolge. E “nessuna vittima è più uguale di un’altra”.


Contenuti:
1 – IL PANORAMA DEL CONTENZIOSO GIUDIZIARIO NELLE IPOTESI DI RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE MEDICA
1.1 – Alcune cifre sugli eventi avversi
1.2 – Il naturale approdo giudiziario e le reazioni della società civile
1.3 – I costi economici del contenzioso giudiziario
1.4 – Le conseguenze del contenzioso giudiziario
1.4.1 – I costi della via giudiziaria nella relazione tra la categoria professionale e la comunità
1.4.2 – Medici sotto accusa e cittadini preoccupati e diffidenti
1.4.3 – La Medicina Difensiva
1.4.4 – L’adozione di precauzioni per difendersi
1.4.5 – Un’altra reazione di difesa: il contrattacco
1.4.6 – L’inadeguatezza delle risposte formali: aspetti critici nei rapporti tra l’Ordine professionale e l’esterno
1.5 – Le conseguenze del contenzioso giudiziario sugli attori
2 – UNO SGUARDO ALL’INTERNO DEL CONTENZIOSO
2.1 – Cenni sui fondamenti giuridici e sulle radici storiche della responsabilità del sanitario per fatti di natura colposa
2.2 – Alcuni nodi problematici del contenzioso giudiziario per errore professionale
2.2.1 – Lo “scomodo” fenomeno della patologia iatrogena
2.2.2 – La difficoltà di trovare risposte nella risoluzione tecnica dei casi di colpa professionale
2.3 – Il consenso informato: un problema reale o un mito da sfatare?
2.3.1 – Breve storia del consenso informato (informed consent)
2.3.2 – Aspetti etici e giuridici
2.3.3 – Aspetti relazionali
2.4 – Il contenzioso giudiziario come sintomo del soggiacente conflitto tra medici e società
3 – POSSIBILITÀ DI CONFLITTO NELLA RELAZIONE TRA PROFESSIONISTA DELLA SALUTE E PAZIENTE
3.1 – La complessa relazione medico/paziente
3.2 – Nei panni del paziente
3.3 – Nei panni del professionista della salute
3.4 – Dall’incontro allo scontro
3.4.1 – Aspetti relazionali alla base del contenzioso
3.4.2 – Guarigione ed errori
3.5 – Il contenzioso dal punto di vista del conflitto
4 – LA MEDIAZIONE TRASFORMATIVA DEI CONFLITTI TRA CITTADINI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE
4.1 – Mediazione e modi alternativi di gestione del conflitto
4.1.1 – Alcune definizioni
4.1.2 – Pratiche di mediazione
4.2 – Esperienze europee e statunitensi di gestione alternativa dei conflitti in ambito sanitario
4.2.1 – La mediazione nelle controversie in materia di responsabilità medica: l’esperienza degli Stati Uniti
4.2.2 – Le esperienze europee di mediazione
4.2.3 – Iniziative di risoluzione extragiudiziale delle controversie tra pazienti e medici in Germania, Austria e Francia
4.3 – Il conflitto alla base della mediazione trasformativa
4.4 – L’ascolto come aspetto centrale della mediazione trasformativa
4.5 – La mediazione trasformativa come prassi
4.6 – Struttura della mediazione trasformativa
4.7 – L’esperienza dello staff dei mediatori dell’Azienda USL di Modena
4.7.1 – L’attività di mediazione
4.7.2 – La narrazione di un incontro di mediazione
4.7.3 – Cosa significa fare il mediatore
4.8 – La Mediazione Trasformativa come servizio per tutti i cittadini: i presupposti etici e sociali di un progetto concreto.
4.8.1 – Il bisogno di ascolto e di mediazione
4.8.2 – Il valore della vicinanza delle istituzioni

Autore/i

Editore

Anno

Lingua


Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione https://farmacia-senzaricetta.it/ può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.