Pillole per l’anima

19,00 16,15

Pillole per l’anima. Modello C.R.O.I. nella relazione sanitaria

Formato 15×21 di pagine XXII-112
Vai al sito

Disponibile

ISBN: 9788879475709 Categoria: Tag: ,

PRESENTAZIONE
Il lettore che desideri un libro nel quale leggersi, esprime la volontà di una riflessione verso sé stesso e verso l’altro, per accrescere le sue prospettive, aprire la mente a nuove possibilità affinché possa aiutare i pazienti nella gestione della loro cronicità verso il loro benessere, sarà sicuramente soddisfatto immergendosi in questa opera psicologica, e non solo, nella quale si sono impegnate le autrici Ercoli e Mercadante. Il vantaggio che deriva dalla lettura è infatti l’arricchimento del proprio essere in primis, dal quale poi si giunge all’atto del fare più consapevole nelle relazioni umane, in ambito sanitario. Le autrici invitano a focalizzarsi sulle relazioni di comprensione e di cura del malato, come accade a ogni operatore sanitario “professionalmente umano” prestando una particolare attenzione alla dimensione dell’“essere” della persona, sia del paziente affetto da cronicità, sia quella degli operatori sanitari. Lo scopo della cura è la costruzione condivisa, tra l’operatore sanitario e il malato, di un percorso che volge al benessere del paziente attraverso una relazione olistica, centrata sulla persona nella cura della malattia. Quest’ottica si traduce in un testo chiaro, semplice ma denso di contenuti e di suggerimenti operativi arricchito da tabelle chiare e incisive. Tra queste si sottolineano come esempi la “Tabella di sintesi delle reazioni emotive” o quelle riguardanti “base dello sviluppo nel contesto socio-familiare” in cui si radica la struttura della persona. Con questi esempi e schematizzazioni è più semplice comprendere i presupposti e le proposte di relazione considerando aspetti inscindibili della persona, la quale è caratterizzata da diverse dimensioni, quali cognitiva, emotiva e relazionale, rese uniche dagli stati di consapevolezza individuali. Diviene quindi chiara la proposta delle autrici di “interventi olistici” nella situazione di malattia cronica, che coinvolge la persona nella sua interezza: chiarezza ancora più preziosa poiché i destinatari sono operatori della salute che fondano gli interventi sulla “parola” e la “presenza attiva” di fronte al malato e ai suoi familiari. Nel testo, infatti, troviamo la dimostrazione di processi relazionali schematizzati, come la capacità di induzione a una risposta compiacente nell’aderenza terapeutica o le origini del linguaggio metaforico e del linguaggio tecnico attraverso l’utilizzo di parole simbolo-metaforiche che sono consigliabili per l’alto impatto espositivo e formativo. Le autrici illustrano le abilità che l’operatore sanitario deve, nel vero senso di obbligo professionale, acquisire per una finalità di efficacia di un rapporto accogliente, propositivo, creativo e di cura alla persona, la quale porta nella sua richiesta di aiuto la sua malattia, dalla diagnosi all’evoluzione clinica, ma anche il desiderio di affrontarla. È necessario sottolineare l’originalità della proposta di utilizzare la metafora per un cambiamento su base cognitiva-emotiva. La proposta dell’uso di metafore, se è frequente nello stretto ambito psicologico clinico e psicoterapeutico, è senza dubbio coraggioso e originale nell’ambito delle malattie che si manifestano con sintomi prevalentemente somatici. Attraverso le metafore si può arrivare, come suggeriscono le Autrici, ad una cura psichica, o delle emozioni se non dell’anima, come direbbero alcune correnti di pensiero psicologico-umanistico-esistenziale, che completa quella più prettamente biologica e che rende la relazione con l’operatore sanitario altamente personalizzata e unica. Il volume è così uno stimolo per guardare alla persona malata con una maggiore completezza. Un rapporto di cura strumentale a favore di un rapporto pienamente umano e per questo efficace verso il maggior benessere possibile del malato, che è innanzi tutto una persona che desidera curarsi per vivere e non vivere per curarsi.

Prof. Paolo Gentili
Dipartimento Scienze Psichiatriche e Med. Psicologica Università “La Sapienza”, Roma


INDICE

Presentazione
Prefazione
Introduzione

1. La malattia cronica
1.1 Malattia cronica ed età
1.2 Malattia cronica ed educazione terapeutica
1.3 Dal modello “Bio-psico-sociale” e modello “Patient centred” al modello della relazione integrata
2. Comunicazione relazione olistica integrata
2.1 Il corpo
2.2 Le emozioni
2.3 La mente
2.4 L’essenza
3. La spinta al cambiamento
4. Motivazione al cambiamento: un buon motivo per cambiare la realtà con il comportamento
5. Comunicazione: strumento terapeutico di relazione
6. Metafora in medicina
7. Pillole per l’anima a lento rilascio
7.1 La malattia cronica
– Io sono io
– La cura
– La semplicità
7.2 La spinta al cambiamento
– Il maestro
– Il principio della rana bollita
– Tratto dal libro: “Il cuore dell’oceano”
– Anima
7.3 Motivazione
7.4 Comunicazione
7.5 Metafora in medicina
Conclusioni

Autori

Editore

Anno

Lingua


Tutto ciò che ha a che fare con la disfunzione erettile è considerato un mito sociale di cui la maggior parte delle persone non vogliono parlare. Preferirebbero trovare uno stretto confidente per rivelare il loro stato con la speranza di trovare soluzioni istantanee e mantenere il segreto. Quello che non riescono a capire e ' che ED non ha niente a che fare con le loro decisioni personali. Infatti, questa condizione https://farmacia-senzaricetta.it/ può interferire con la vostra autostima se non è correttamente affrontato in modo da evitare di esplorare la vostra abilità sessuale. Fortunatamente, questa situazione può essere invertito grazie a diverse invenzioni scientifiche, tra cui la chirurgia o farmaci. Anche se la chirurgia è rimedio a lungo termine, la maggior parte delle persone preferirebbe andare per Cialis pillole orali in quanto sono ugualmente efficaci e convenienti.